Città Metropolitana di Catania, non può essere Bonaccorsi a guidare l’Ente

Non può essere il vicesindaco Roberto Bonaccorsi a guidare la Città metropolitana di Catania. L’Ente, a seguito della sospensione del sindaco Pogliese, è priva della figura di guida politica, e legale rappresentante, e la legge regionale 15/2015 prevede che in caso di sospensione dovrebbe essere il “Vicesindaco metropolitano” a farne le veci (o in subordine il consigliere metropolitano più anziano di età). Purtroppo non essendosi mai costituiti gli organi (per effetto del continuo rinvio delle elezioni di secondo livello), il Vicesindaco metropolitano non è stato, né poteva essere, nominato.

Per questo ho presentato un’interrogazione urgente all’Assemblea Regionale Siciliana, in cui chiedo come la Regione intende garantire la governabilità dell’Ente dopo la sospensione del Sindaco Pogliese.

Essendo infatti il consiglio metropolitano sostituito da un commissario straordinario inviato dalla Regione, dovrebbe essere questo a guidare l’Ente. Diversamente competerà sempre alla Regione, secondo la normativa generale, nominare un altro commissario straordinario coi poteri del Sindaco.

In ogni caso non può essere il vicesindaco del Comune capoluogo a sostituire il sindaco metropolitano (mentre lo fa legittimamente in riferimento alla sola amministrazione comunale) perché questo contrasterebbe con le norme e perché, inoltre, lo stesso Bonaccorsi non possiede nemmeno i requisiti previsti dalla legge per essere “eleggibile” alla carica di Vicesindaco metropolitano e di componente del consiglio (non è infatti consigliere comunale e, tantomeno ovviamente, sindaco di un altro Comune).

Vorrei sapere come la Regione intenda dunque intervenire per assicurare l’indefettibile presenza dell’organo di vertice della Città metropolitana di Catania, mediante la nomina di commissario straordinario ovvero chiarendo e sancendo l’esercizio delle funzioni di pertinenza del Sindaco da parte del commissario già nominato in sostituzione del Consiglio metropolitano.

LEGGI INTERROGAZIONE