All’Asp Ragusa premio di 1 euro a infermieri, “mortificata la loro professionalità”

È stata mortificata la professionalità e lo spirito di servizio del personale infermieristico dell’ASP di Ragusa nella particolare circostanza dell’emergenza da pandemia Covid-19 e su questo vorrei che la Regione venga a Sala d’Ercole a dare una spiegazione.

Così ho presentato un’interrogazione parlamentare in merito alla decisione che ha portato la direzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa di assegnare al personale infermieristico, e in particolare presso il servizio di rianimazione del P.O. di Modica, soltanto un incremento minimale dell’indennità di turno di appena 1,03 euro lorde.

Una misura palesemente insufficiente e sicuramente non idonea a riconoscere l’impegno profuso dal personale sanitario in una circostanza del tutto peculiare come quella della pandemia.

Vorrei sapere, anche in riferimento alle altre aziende sanitarie, come la Regione intenda impartire direttive ed orientamenti per assicurare, nell’ambito del confronto con le organizzazioni sindacali, criteri omogenei per il riconoscimento dei benefici al personale impegnato nell’emergenza Covid-19.

Il nostro personale medico e sanitario merita degli interventi che siano volti a riconoscere benefici, anche economici, quale forma di doveroso riconoscimento e ristoro per l’aggravio di lavoro e lo spirito di sacrificio mostrato a tutela della salute di tutti.

LEGGI L’INTERROGAZIONE