MOZIONE 258 – Laureati in Scienze motorie

Nell’ambito delle attività di prevenzione e cura è ormai universalmente riconosciuto l’importante valore dell’attività fisica e motoria. La figura professionale cui competerebbe l’erogazione di tali servizi è quella del laureato in Scienze Motorie (LM67): competerebbe perché, ad oggi, la normativa vigente non riconosce la specifica professionalità dei laureati magistrali in Scienze Motorie. Il Governo regionale, su mia proposta, si è impegnato a porre all’attenzione della Conferenza dei Presidenti delle Regioni il tema dell’esercizio della professione da parte dei laureati nelle équipe sanitarie. Solo così possiamo procedere verso il riconoscimento della figura professionale dei laureati e la conseguente introduzione di detrazioni fiscali per i cittadini che accedano alle prestazioni rese dagli stessi a scopo preventivo e terapeutico.