Bando Cultura Futuro Urbano

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali promuove il programma “Cultura Futuro Urbano” con l’obiettivo di finanziare iniziative culturali nelle periferie delle città metropolitane di tutta Italia.

Con una dotazione di 25 milioni di euro punta a migliorare la qualità della vita dell’intera collettività urbana, donando nuova personalità a scuole, biblioteche e opere pubbliche rimaste incompiute.

Il programma vede l’attivazione di tre misure che sono:

– Scuola attiva la Cultura

– Biblioteca Casa di Quartiere

– Completati per la Cultura

Ad oggi le misure attive sono Scuola attiva la Cultura e Biblioteca Casa di Quartiere.

“Scuola attiva cultura” finanzierà idee che mirano ad ampliare l’offerta culturale e prevede come partner  anche istituzioni pubbliche, soggetti privati locali, società civile organizzata, artisti e creativi – con apertura in orario extra curricolare delle scuole situate nelle aree prioritarie e complesse delle città metropolitane e dei capoluoghi di provincia.

Soggetti presentanti saranno le istituzioni scolastiche statali secondarie di primo e secondo grado delle città metropolitane e città capoluogo di provincia singolarmente e/o loro reti e consorzi anche come capofila di partenariati.

Il finanziamento erogabile a ciascun progetto è fissato entro la misura massima dell’80% dei costi ammissibili  e comunque entro il limite massimo di €80.000 (ottantamila/00) IVA inclusa.

“Biblioteca casa di quartiere”  punta invece al benessere e il miglioraramento della qualità della vita degli abitanti di quartieri prioritari e complessi di città metropolitane e città capoluogo di provincia, finanziando progetti che prevedono il coinvolgimento degli abitanti di comunità e quartieri complessi.

L’obiettivo è diversificare e ampliare l’offerta culturale, grazie all’apertura nelle fasce orarie e nei giorni festivi delle biblioteche situate nelle aree prioritarie e complesse delle città metropolitane e dei capoluoghi di provincia con partner quali istituzioni pubbliche

Soggetti presentatori saranno tutte le biblioteche civiche, le biblioteche gestite in maniera non profit da fondazioni, associazioni culturali, università, centri di ricerca non profit, istituti di alta formazione, enti del Terzo Settore situate in quartieri prioritari e complessi di città metropolitane e città capoluogo di provincia, singolarmente o attraverso forme associative, reti e consorzi.

Anche in questo caso il finanziamento erogabile a ciascun progetto è fissato entro la misura massima dell’80% dei costi ammissibili  e comunque entro il limite massimo di €80.000 IVA inclusa, mentre la dotazione finanziaria è di 3.000.000 €.

La domanda di finanziamento deve essere presentata utilizzando la piattaforma informatica online, disponibile sul sito http://www.aap.beniculturali.it/ entro il termine perentorio del 5 luglio 2019 ore 12.00.

Maggiori informazioni sul bando e su cosa finanzia è possibile trovarle al seguente link:

http://www.aap.beniculturali.it/Cultura_Futuro_Urbano.html